Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

domenica 31 ottobre 2010

Pastiera napoletana senza glutine



Pastiera napoletana con riso integrale

Da brava  napoletana, da brava golosa, da brava figlia di mamma famosa per le sue pastiere, non potevo non provare a farne una senza glutine… ho usato il riso integrale perché una delle cose che più mi piacevano della pastiera era quella consistenza un po’ callosa dei chicchi di grano, ed ho pensato che se non potevo ritrovarne il sapore, potevo almeno tentare di ritrovarne la consistenza. Il risultato mi ha convinta moltissimo, ed ha convinto altrettanto tutti coloro che l'hanno assaggiata... anzi divorata!!!

           

TROOOOOPPO BUONA!!!!


Ingredienti:
• Per la pasta frolla: 300 gr di farina Bi-Aglut (sacchetto da 1 kg, per pane e paste lievitate), 150 gr di zucchero, ½ fiala di aroma limone o scorzetta di limone, 125 gr di burro, 5 gr di lievito istantaneo consentito, 1 pizzico di sale, 1 bustina di vanillina, 1 uovo intero.
• Per il ripieno: 150 gr di riso integrale pesato cotto (lessato con pochissimo sale), 200 gr di zucchero, 250 gr di ricotta, 150 ml di latte, 10 gr di burro, 2 uova, vanillina, aroma fior d'arancio, cannella in polvere, buccia d’arancio, scorzetta di limone.

Procedimento:
• Per la pasta frolla: Portare tutti gli ingredienti a temperatura ambiente. Mescolare farina e lievito, aggiungere lo zucchero, la vanillina, il sale, la scorzetta di limone, l’uovo, il burro ammorbidito. Lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per una decina di minuti.
• Per il ripieno: Versare in una pentola il riso cotto, il latte, il burro e la scorzetta di limone. Far cuocere mescolando ogni tanto finché tutto il latte sia assorbito. Far raffreddare bene. In un altro pentolino far candire la buccia d’arancio bollendola a lungo in poca acqua e molto zucchero. Lavorare a parte la ricotta, lo zucchero, le uova, la vanillina, l’ aroma d’arancio, la cannella in polvere. Mescolare bene, aggiungere la buccia d’arancio candita, raffreddata e tagliata a pezzettini, poi amalgamare il tutto con il riso. Ne viene fuori un composto piuttosto liquido.
Assemblaggio del dolce: foderare il fondo di una tortiera apribile con una parte della pasta frolla. Per vedere come faccio io guardate qui. Versarvi dentro il composto, e con il resto della pasta frolla tagliare con la rotella delle strisce per formare una griglia. Attenzione: se la pasta frolla risultasse troppo fragile per comporre la griglia, aggiungere all’impasto rimanente un po’ di farina. Ripiegare i bordi di pasta frolla sulla griglia. Infornare a 180°C per circa un’ora. Far raffreddare, cospargere di zucchero a velo...
 
  * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * 

... Ed ovviamente leccarsi i baffi!!!


N.B.

Trovate QUI la versione con grano saraceno

Pandistelle 2: la vendetta... senza glutine!

Questo nome gliel’ha dato mia figlia, intollerante al glutine e con un vaghissimo ricordo di questi famosi biscotti che piacciono a tutti i bambini, sicuramente per il sapore ma anche per il loro particolare aspetto. Non so quanto i miei somiglino come sapore a quelli  (secondo la mia figlia maggiore, sono migliori!!!) visto che anch’io mangio senza glutine da tempo immemorabile, ma di sicuro li ricordano molto all’aspetto!




Anche per questa ricetta, come molte altre, chi non è celiaco può usare al posto della farina gluten-free quella di grano, sostituendola semplicemente con la stessa quantità.



 Ingredienti:
Per il biscotto: 200 gr di farina Bi-Aglut (sacchetto da 1 kg), 50 gr di fecola di patate consentita, 50 gr di cacao amaro in polvere consentito, 1 uovo, 120 gr di zucchero, 40 gr di olio di mais, 5 cucchiai di latte, 1 bustina di vanillina consentita, una manciata di nocciole tritate, 2 cucchiaini di lievito in polvere consentito, 1 pizzico di sale.
Per la glassa: ½ albume, 150 gr circa di zucchero a velo consentito.

Procedimento:

Per il biscotto: mescolare farina, fecola, cacao, zucchero, nocciole tritate, lievito. Aggiungere l’uovo, l’olio, la vanillina, il sale ed il latte. Amalgamare bene. Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola, tenerlo in frigo per mezz’ora. Stendere la pasta in una sfoglia di 5-6 mm di spessore, e con un tagliabiscotti rotondo (o con un bicchiere piccolo) ricavare i biscotti. Metterli man mano sulla placca del forno foderata con carta oleata. Cuocere a 180°C per 10-15 minuti. Far raffreddare bene.

Per la glassa: montare un albume con una frusta elettrica, non proprio a neve: deve rimanere morbido. Eliminarne la metà ed aggiungere lo zucchero a velo, un cucchiaio alla volta, mescolando man mano. Si deve ottenere un composto denso che conserva la forma che gli si dà. Attenzione, questo tipo di glassa asciuga molto rapidamente, quindi coprire il contenitore mentre si applica.

Decorazione dei biscotti: mettere una piccola quantità di glassa in una siringa da dolci con beccuccio a stella (o quello che più vi somiglia). Applicare la glassa appoggiando la siringa ai biscotti cotti e raffreddati e premendo brevemente. Asciugherà in tempi brevi donando ai biscotti l’aspetto di un… cielo stellato.


...da leccarsi i baffi!!!


Rotolo cioccolato e pesche senza glutine




    
Non contiene farina… non contiene glutine!




Semplicissimo da fare, molto più di quanto sembri a vederlo, e molto coreografico… incontrerà il gusto di grandi e piccini.

Ingredienti: 4 uova, 4 cucchiai di zucchero, 4 cucchiai di cacao amaro in polvere, 1 pizzico di sale, 250 ml di panna fresca da montare, pesche sciroppate, zucchero a velo Colombo, cioccolato al latte consentito (Esselunga svizzero).

Procedimento: montare a neve ferma i 4 albumi con un pizzico di sale, poi lavorare i 4 tuorli con lo zucchero fino a quando il composto risulterà chiaro e spumoso. Aggiungere il cacao un cucchiaio alla volta facendo attenzione a non formare grumi. Unire al composto l’albume montato a neve, poco alla volta mescolando con un cucchiaio con movimento dal basso verso l’alto facendo attenzione che non si smonti.
Versare il composto ottenuto sulla teglia del forno rivestita di carta forno e livellare uniformemente. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 5 minuti. Per controllare la cottura usare uno stecchino di legno, il dolce deve risultare asciutto, spugnoso e non biscottato.
Capovolgere la teglia su un canovaccio umido ben steso, togliere delicatamente la carta da forno, arrotolare il dolce su se stesso aiutandosi con il canovaccio. Mettere da parte a raffreddare bene.
Nel frattempo montare bene la panna fresca con zucchero a piacere e spezzettare grossolanamente una parte delle pesche sciroppate. Mescolare il tutto.
Quando il rotolo è ben freddo, srotolarlo delicatamente, farcire con la panna e le pesche, richiudere bene. Avvolgere in un foglio d’alluminio e porre in frigo.
Al momento di servire in tavola, tagliare via le “code” laterali per pareggiare le due estremità del dolce, poi tagliare a fette triangolari e decorare la parte larga di ogni fetta con un ciuffetto di panna, un pezzetto di pesca sciroppata ed un ricciolo di cioccolato al latte. Servire con qualche scaglia di cioccolato.


... e come al solito... leccatevi i baffi!!!




Smiles Africani senza glutine


Ai bambini piaceranno moltissimo... per il sapore, ma soprattutto per l'aspetto!!! Non sono difficili da fare, diciamo che ci vuole un po' di pazienza, il risultato però è strepitoso.




  
 Non sono carinissimi???


Ingredienti: 250 gr di farina (Bi-Aglut, sacchetto da 1 kg), 100 gr di mandorle sgusciate, un tuorlo, 120 gr di marmellata di albicocche (Esselunga), 150 gr di cioccolato fondente (Esselunga svizzero), 120 gr di zucchero, 50 ml di latte scremato, 15 gr di lievito di birra, 150 gr di burro. Per la glassa: ½ albume, 150 gr di zucchero a velo.

Procedimento: Scaldare il forno a 160°C e tostare le mandorle sparpagliate su una teglia. Estrarle dopo 10 minuti, privarle della pellicola, tritarle sino a ridurle in polvere. Lavorare in una ciotola la farina, il lievito diluito in poca acqua tiepida, il burro ammorbidito, lo zucchero ed il tuorlo, lavorando fino ad ottenere un composto omogeneo in cui incorporare le mandorle. Lasciar riposare l’impasto per un’ora. Riaccendere il forno a 160°C. Stendere la pasta in una sfoglia spessa 5 mm circa sul piano infarinato, ricavarne con una formina da biscottini tanti dischetti di 4 cm circa di diametro ed allinearli in una teglia ricoperta da carta da forno. Infornare per un quarto d’ora circa. Una volta cotti lasciar raffreddare i dischetti e nel frattempo far liquefare adagio a bagnomaria il cioccolato spezzettato diluito con il latte. Accoppiare a due a due i dischetti “incollandoli” con la marmellata di albicocche; poi rivestirli di cioccolato fuso a circa 31 gradi di temperatura tuffandoceli con la pinza e lasciar rapprendere allineandoli distanziati su di una griglia coperta di carta da forno.
Per decorare, fare una piccola quantità di glassa reale: montare  un albume non proprio a neve, eliminarne la metà,  unire lo zucchero un cucchiaio alla volta continuando a lavorare. Ne verrà fuori un composto denso che conserva la forma che gli si dà. Riempire con piccole parti di composto alla volta un cornetto di carta da forno o un sac-à-poche con buchino piccolissimo e disegnare occhi e bocca. Adagiare nei pirottini per un grande effetto estetico!

  

... bambini leccatevi i baffi!!!



Fagottini senza glutine di ricotta e cioccolato



Mi sono ispirata per questa ricetta alle sfogliatelle napoletane, quelle lisce ovviamente, per poi farmi prendere la mano e personalizzare la ricetta con l’aggiunta di scaglie di cioccolato che nella cottura si sono sciolte amalgamandosi al resto del ripieno… risultato da leccarsi i baffi!


    


Ingredienti per la pasta: 250 gr di farina (Bi-Aglut, sacchetto da 1 kg), 120 gr di burro, 2 cucchiai di zucchero, sale.
Ingredienti per il ripieno: 50 gr di semolino (Sineamin), ½ stecca di vaniglia, 150 gr di ricotta fresca, 100 gr di zucchero, 2 uova, cannella in polvere, sale, 50 gr di scaglie di cioccolato. Per completare: 1 tuorlo, zucchero a velo.
Procedimento: lavorare la farina con il burro ammorbidito e spezzettato, lo zucchero, una piccola presa di sale, 1 dl di acqua fredda. Impastare rapidamente in modo da ottenere un composto morbido e liscio. Formare una palla, coprire con un canovaccio e lasciar riposare per mezz’ora.
Mettere in un recipiente 400 ml di acqua, salare, aggiungere la vaniglia, portare a bollore, quindi versare a pioggia il semolino e lasciar cuocere per 5 minuti sempre mescolando con un cucchiaio di legno. Lasciar raffreddare e togliere la vaniglia. Setacciare la ricotta raccogliendola in una terrina, mescolarla con lo zucchero e la cannella, aggiungere il semolino, le uova ed il cioccolato a scaglie. Mescolare bene.
Dividere la pasta in 12 pezzi uguali, stenderli con il matterello a formare 12 forme ovali di ½ cm di spessore. Con il composto di ricotta farcire i fagottini, ripiegare la pasta e premere con le dita sugli orli. Sbattere in una terrina il tuorlo e spennellarlo sui fagottini. Cuocere in forno a 180°C fino a doratura (circa 30 minuti), lasciar raffreddare completamente, cospargere con zucchero a velo e servire.


   
... Leccatevi pure i baffi!!!




Torta senza glutine al caffè






















Una torta molto meno difficile da preparare di quanto possa sembrare, e che farà un gran figurone. La base è un impasto semplicissimo che potrete usare per tanti altri dolci (qualcuno lo posterò senz'altro) come la ciambella con uvetta e cioccolato, o un bel dolce di compleanno farcito di crema e ricoperto di panna e fantasia.
Una bomba di calorie… ma che bontà!!!

Ingredienti:
Per la base: 1 vasetto di yogurt bianco, 2 vasetti di zucchero, 3 vasetti di farina DS (ovviamente per chi non è celiaco usare farina di grano) , ½ vasetto di olio di girasole, 3 uova, 1 bustina di lievito istantaneo per dolci (io uso il Colombo, in prontuario), la scorza grattugiata fine di un limone.
Per la bagna: caffè leggero zuccherato.
Per la crema al caffè: burro 300 gr, 10 cucchiai di zucchero a velo consentito (io uso il Colombo, in prontuario), due tazzine di caffè molto forte.
Per la crema caffè/cacao: un po’ della crema al caffè preparata, cioccolato amaro consentito in polvere (ho usato quello di marchio Coop).
Per decorare: crema al caffè, cioccolato fondente, crema caffè/cacao, nocciole tritate.
Procedimento:
Per la base:  montare a neve gli albumi con un pizzico di sale. Lavorare insieme tuorli, yogurt, zucchero e scorzetta di limone. Aggiungere l’olio e far amalgamare  bene. Incorporare la farina un po’ alla volta insieme al lievito setacciato. Infine aggiungere gli albumi senza farli smontare. Versare in una tortiera rotonda ed infornare a 180°C per circa 30-40 minuti.
Per la crema al caffè: montare con un cucchiaio di legno o con uno sbattitore elettrico il burro fatto ammorbidire fuori dal frigo. Lavorarlo fino a che diventerà spumoso. Aggiungere poco a poco lo zucchero a velo e far amalgamare perfettamente. Versare una piccolissima dose di caffè (fatto raffreddare) e far amalgamare bene, poi un’altra piccola dose ripetendo il tutto fino ad assorbimento totale del caffè.
Per la crema caffè/cioccolato: prendere una piccola parte della crema preparata ed aggiungervi a pioggia, mescolando, un cucchiaio di cacao amaro. Far amalgamare bene.
Assemblamento del dolce: tagliare in due la base, appoggiare il primo disco sul piatto di portata e bagnare con il caffè zuccherato. Farcire con abbondante crema al burro e ricoprire con il secondo disco. Bagnare con altro caffè. Spalmare tutta la superficie del dolce con la crema al caffè, poi far aderire  ai bordi la granella di nocciole. Con una siringa o sac-à-poche fare dei ciuffetti di crema al caffè e crema caffè/cacao fino a ricoprire la superficie del dolce. Fondere a bagnomaria il cioccolato fondente e con l’ausilio di un cono di carta  fare disegni semplici su carta forno e far raffreddare bene. Staccare delicatamente dalla carta ed appoggiare sulla torta.  E dopo...



Leccarsi i baffi!!!






Con questa ricetta partecipo alla raccolta di "La Massaia Canterina"


Tartellette di pasta frolla senza glutine

Oggi vi propongo una ricetta esteticamente fantastica, e molto meno difficile da realizzare di quanto si possa immaginare. La ricetta della pasta frolla senza glutine la trovate anche qui, dove potete vedere qualche foto del procedimento, e per il resto seguite passo passo le mie istruzioni e realizzerete un capolavoro per gli occhi e per il palato! Ovviamente, per chi non è celiaco, la stessa ricetta si può realizzare con farina di grano sostituendola in quantità pari a quelle senza glutine.

TARTELLETTE DI PASTA FROLLA
realizzate con prodotti privi di glutine
  
Ingredienti: per la pasta frolla: farina Bi-Aglut per pane epaste lievitate 500 gr, burro 200 gr, zucchero 200 gr, 2 uova, 2 cucchiaini di lievito per dolci consentito, 1 bustina di vanillina. Per la crema bianca: amido di mais 100 gr, farina DS 100 gr, zucchero 300 gr, latte 800 ml, vanillina 1 bustina; da aggiungere dopo, panna zuccherata montata 250 ml,  ½ bicchierino di rhum. Per la guarnizione finale: panna montata, caramello, nocciole tritate.
Procedimento: per la pasta frolla:  portare gli ingredienti a temperatura ambiente, mescolare le farine ed il lievito, lavorare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo. Stendere la pasta tra due fogli di carta forno e ritagliare tanti “fiori” con una formina da biscotti. Adagiare ogni fiore su un pirottino rovesciato (di quelli piccoli, da cioccolatini) premendo un po’ sui lati e cuocere in forno a 180°C  per 8 – 10  minuti (dipende dal forno e dallo spessore della pasta frolla). N.B.: i pirottini devono essere bianchi, altrimenti rilasceranno il colore o il disegno sulla pasta frolla durante la cottura.
Far raffreddare, staccare dai pirottini, adagiare su un vassoio da portata. Per la crema bianca: versare in una pentola tutti gli ingredienti e mescolarli bene con una frusta. Mettere a cuocere a fuoco basso continuando a mescolare finché la crema non si addensa bene. Far raffreddare completamente (meglio prepararla con qualche ora di anticipo), aggiungere la panna montata ed il rhum. Riempire ogni tartelletta con un cucchiaino abbondante di crema. Per la decorazione finale: con la siringa da dolci aggiungere la panna sulla crema del ripieno, poi versarvi un cucchiaino piccolo di caramello e qualche granello di nocciole tritate. Non fatelo con troppo anticipo, per evitare che la pasta frolla si ammorbidisca troppo.
P.S.: il caramello l’ho preparato in casa, non è difficile e si mantiene per moltissimo tempo in un barattolo di vetro fuori dal frigo. Il procedimento con le foto lo trovate qui.
La ricetta: Ingredienti: 120 gr di zucchero, 60 ml di acqua
Preparazione: Fate sciogliere lo zucchero a fuoco bassissimo  in una pentola alta  mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno.  Quando lo zucchero sarà liquido e biondo incorporate l’acqua che avrete nel frattempo portato all'i
nizio del bollore in un pentolino (attenzione agli schizzi). Rimettete la pentola sul fuoco qualche minuto, mescolando bene, fino ad avere un composto omogeneo. Fate raffreddare.





Non sono bellissime???



... e adesso leccatevi i baffi!!!

Crostata senza glutine di cioccolato e pere





Ingredienti: per la pasta frolla:  farina Bi-Aglut 360 gr, zucchero 150 gr, scorza grattugiata di limone, burro 150 gr, lievito per dolci 6 gr, 1 pizzico di sale, 1 uovo intero. Per il ripieno: una scatola di pere sciroppate, 150 gr di Nutella, crema bianca. Per la crema bianca: vedi ricetta precedente (tartellette di pasta frolla)

Procedimento: portare gli ingredienti a temperatura ambiente e seguite il procedimento descritto e fotografato qui . Mescolare farina e lievito e lavorare insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo. Avvolgere in pellicola, mettere in frigo per una decina di minuti, stendere la pasta mettendola tra due fogli di carta forno. Foderare con parte della pasta una tortiera apribile, versarvi qualche cucchiaiata di crema bianca, disporre a raggiera le pere tagliate a spicchi, e versare sul tutto la Nutella leggermente riscaldata. Chiudere con la rimanente pasta e “piantare” dei  pinoli per decorare. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 30-40 minuti. Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo. 


.. iniziate pure a leccarvi i baffi!!!


giovedì 28 ottobre 2010

Pasta frolla senza glutine: crostata di marmellata e biscottini ripieni


Negli anni mi sono spesso sentita dire che fare la pasta frolla senza glutine è difficile, che l'impasto si rompe troppo facilmente, che viene troppo asciutto, che non si riesce a lavorare.... Posto qui due facili ricette a base di pasta frolla, che ho fatto usando la farina Bi-Aglut (sacchetto da un chilo). Con questa ricetta base si possono fare molti dolci, a partire da biscottini ritagliati con le formine e poi cosparsi di zucchero in granella o glassa, fagottini ripieni di nutella o marmellata, occhi di bue, crostate di marmellata e torte della nonna.... E' molto più facile di quanto possa sembrare, seguite passo per passo la ricetta ed avrete un successone!

Ingredienti:  farina 360 gr, zucchero 150 gr, scorzetta di limone, burro ammorbidito a temperatura ambiente 150 gr, 1 uovo intero,  lievito per dolci consentito 6 gr, 1 pizzico di sale, 1 bustina di vanillina.
Procedimento: se avete uno sbattitore o un'impastatrice lavorate tutti gli ingredienti insieme finché non si forma un impasto omogeneo e senza grumi, morbido ma non molle. Se preferite, mescolate tutti gli ingredienti nello sbattitore poi versate il tutto sul piano di lavoro ed impastate a mano, usando soprattutto i palmi delle mani, senza affondare le dita nell'impasto.


Crostata di marmellata

Dividete in due l'impasto e stendetene una metà su un foglio di carta da forno. Per ottenere una sfoglia sottile senza che si incolli al mattarello o si rompa, mettete un secondo foglio di carta forno e finite di stendere l'impasto tra i due fogli.




Senza togliere il foglio superiore, appoggiate all'impasto la base della tortiera apribile e premete leggermente per lasciare l'impronta.

A questo punto scoprite l'impasto e con un coltellino tagliate il bordo della base...


...poi aiutandovi con la carta forno appoggiatela sulla base di metallo della tortiera apribile, applicate il bordo, chiudetelo e tagliate con le forbici l'eccesso di carta.

A questo punto stendete l'altra metà dell'impasto nella stessa maniera (cioè tra due fogli di carta forno) e ritagliate a piccoli pezzi il bordo da applicare alla base.


Versate sulla base marmellata consentita a piacere (io ho usato della marmellata di susine e mele fatta in casa, vi posterò poi la ricetta). Reimpastate i resti, stendeteli di nuovo, ritagliate altri pezzi di frolla e coprite la marmellata.

Abbassate delicatamente i bordi (e non preoccupatevi se qualche pezzetto si romperà, durante la cottura tutto si aggiusta) ed infornate a 180°C per circa 30 minuti, o finché non sarà ben colorita. Sfornare, far raffreddare, togliere dalla tortiera e cospargere di zucchero a velo. 


Ed eccola qui!!! 


Biscottini ripieni di marmellata

Con i resti della pasta, se ce ne sono, potete ricavare dei biscottini o, come ho fatto io, dei fagottini ripieni di marmellata. Stendete la pasta, usate una formina rotonda (io ho usato quella per i ravioli!) e ricavate dei cerchietti in numero pari.


Apppoggiate su metà dei cerchietti mezzo cucchiaino di marmellata, poi appoggiate sopra un altro cerchietto premendo delicatamente ai bordi. Infornate a 180°C per circa 10 minuti, o meglio finché i biscotti non diventano ben coloriti ma non troppo scuri! Cospargete di zucchero a velo.






Ed anche stasera.... leccatevi i baffi!!!

mercoledì 27 ottobre 2010

Bignè e ciambelline senza glutine

... E come promesso ieri sera, ecco la mia prima ricetta fotografata ! 


Bignè e ciambelline
senza glutine

Piccola premessa: questa ricetta può tranquillamente essere eseguita anche con farina di grano, sostituendo semplicemente la  farina gluten-free con l'altra..


Ingredienti: Acqua 150 ml, burro 125 gr, farina 150 gr (ho usato un misto: 50 gr di Bi-Aglut sacchetto da 1 kg, 50 gr di Mix B Schar, 50 gr di DS), 4 uova, un pizzico   di sale.  

Procedimento: mettere sul fuoco acqua, burro e sale. Quando il tutto è sciolto e sta per bollire, togliere dal fuoco ed aggiungere la farina tutta insieme, mescolando bene con un cucchiaio di legno. Rimettere sul fornello e cuocere per 3-4 minuti a fuoco basso continuando a mescolare finché ‘l’impasto non tende a staccarsi dalla pentola e dal cucchiaio.



Far raffreddare leggermente, sbattere un uovo ed aggiungerlo all’impasto mescolando fino a completo assorbimento. Lo stesso procedimento va seguito per le altre tre uova. Il risultato deve essere un impasto morbido ma non molle, con il quale, appoggiandole su carta forno, si formeranno piccole palline distanziate,  usando un sac-à-poche o semplicemente due cucchiaini. Si possono formare anche delle ciambelline, ricoperte di granella di zucchero prima della cottura. La granella io l'ho fatta da sola, visto che in  commercio non se ne trovano di garantite senza glutine. La ricetta la trovate qui, potete farla la sera, farla asciugare durante la notte e metterla in un barattolino la mattina. Io ho usato i buchi di una normale grattugia!


Infornare a 190°C per 10 minuti (durante i quali bignè e ciambelline devono gonfiare e dorare) senza mai aprire il forno, poi abbassare la temperatura a 160°C e far cuocere ancora 5 minuti. Se i bigné sono un po' più grandi allungare il tempo di cottura, perché se non saranno perfettamente cotti internamente si afflosceranno non appena si tireranno fuori dal forno.

 
  Vero che sembra una magia???


I bignè si possono farcire in molti modi, non per forza dolci. Le farciture più classiche sono comunque quelle con crema pasticciera, con panna, con crema al cioccolato o al caffè. Ci si aiuta con una siringa da dolci o un sac-à-poche con beccuccio fine, facendo un piccolo taglio nel bignè vuoto e riempiendolo senza far fuoriuscire la crema.
Per decorare si può usare la classica glassa, bianca o colorata, al cioccolato o al caffè, o semplicemente una spolverata di zucchero a velo. Le ciambelline si tagliano a metà orizzontalmente e si farciscono con panna montata zuccherata.



Crema pasticciera
Ingredienti: 1 litro di latte, 3 uova, 6 cucchiai di zucchero, 3 cucchiai colmi di farina (io uso la Maizena o la DS, che non lasciano retrogusto), vanillina, scorzetta di limone.
Procedimento: mettere tutti gli ingredienti in una pentola adeguata, mescolare bene, cuocere a fuoco moderato senza smettere di mescolare. Appena la crema si è addensata ed ha iniziato a bollire, togliere dal fuoco. Per far raffreddare più velocemente la crema, versarla su un piatto o un vassoio largo, e cospargere con un po’ di zucchero per non far formare la pellicola. Chi ha il Bimby può versare tutti gli ingredienti nel boccale, applicare la farfalla ed impostare la temperatura a 90°C, il tempo a 11 minuti e la velocità a 3.

 
I due tipi di crema


Glassa
Ingredienti: 200 gr di zucchero a velo consentito (o, se avete un buon frullatore, fatto in casa), 1 albume. A piacere cacao in polvere, coloranti alimentari, caffè molto ristretto.
Procedimento: montare leggermente l’albume, poi incorporare lo zucchero a velo fino ad ottenere un composto omogeneo e lucido. Si può lasciare bianca o aggiungervi del cacao in polvere consentito (in tal caso la glassa diventerà più densa e forse sarà necessario aggiungere qualche goccia d’acqua), coloranti alimentari (si trovano al supermercato tra l'occorrente per i dolci, io uso quelli della Rebecchi che dichiara assenza di glutine), caffè ristretto (in tal caso la glassa diventerà più liquida e forse sarà necessario aggiungere un po’ di zucchero a velo).

Per decorare i bignè già farciti, riscaldare leggermente la glassa per ammorbidirla (a bagnomaria o nel microonde per non più di 15 secondi) e versarla con un cucchiaino o immergervi la punta del bigné. Mettere i bignè in frigo in modo che la glassa si addensi bene.



Et voilà....
Leccatevi i baffi!!!