Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

lunedì 28 marzo 2011

Orecchiette senza glutine, con cime di rapa

           

img 039Le ho mangiate la prima volta da ragazzina a casa della mia amica del cuore, pugliese di nascita, ed e' stato un colpo di fulmine. Me le sono cucinate  finche' ho potuto mangiare glutine.... poi basta, le ho viste decine di volte quando ho visitato la Puglia, ne ho risentito il profumo per le strade, ma ho avuto  il piacere di mangiare il condimento con le rape abbinate solo con altri formati di pasta, buono lo stesso certo, ma che voglia di orecchiette!!!!!!
Due giorni fa mia mamma, che ha un orto, mi regala delle cime di rapa... ed io decido che stavolta devo perlomeno provarci a rigustare queste benedette orecchiette! Cosi' mi attacco come sempre ad Internet e cerco. Leggo che le vere orecchiette contemplano solo farina ed acqua, niente uovo, niente che tenga insieme la farina. Mah. Procedimento non particolarmente difficile anche se indubbiamente lungo, ma non e' questo che mi scoraggia. Solo farina e acqua. Le uniche ricette che trovo senza glutine parlano di albume o di uova intere.... ma cosi' non sono piu' orecchiette, no?
Amo le sfide. Ed ho soprattutto cari amici che sopportano con santa pazienza tutti i miei esperimenti, che negli anni non tutti sono andati a buon fine :(
Cosi' decido di tentare. Ecco come.
Ingredienti per la pasta: 400 gr di farina (io ho usato la solita metà di Bi-Aglut e metà Mix B Schar, farine che conosco bene e che tra le tante mi sembrano quelle che più riescono a "stare insieme"), 250 gr di acqua, un pizzico abbondante di sale.
Ingredienti per il condimento: cime di rapa (non le ho pesate, comunque erano tante, direi almeno mezzo chilo prima della cottura), 6 filetti di acciughe, peperoncino, olio extravergine di oliva (ovviamente pugliese!), 2 spicchi d'aglio.
Procedimento per la pasta: Lavorare insieme farina ed acqua, versando quest'ultima un po' alla volta perché si sa, le farine a volte ne prendono di piu', a volte meno. Ne risultera' un bel panetto liscio e compatto.
 
img 016   img 022
Lavorare un po’ di pasta alla volta formando degli spaghettoni  del diametro di un centimetro circa, e tagliarlo a pezzetti come si fa per gli gnocchi: io poi ho preso man mano ogni pezzetto di pasta e l'ho leggermente arrotolato tra le mani per arrotondarlo e dargli una forma più o meno sferica…
 
img 023   img 026
…poi l'ho "trascinato" con la punta arrotondata di un coltello come vuole la tradizione e messo sulla punta del pollice per dargli la forma.... ma era un procedimento cosi' noioso e lungo che forse e' giustificato dalla pasta elastica con il glutine ma molto meno con l'impasto senza glutine che non e' per niente elastico....
 
img 025   img 036
…allora da un certo punto in poi ho continuato a formare le palline, che schiacciavo tra pollice ed indice ed appoggiavo poi sul beccuccio a stella della mia sac-a'-poche dandogli così la forma. Ho fatto molto prima ed il risultato non mi sembrava male. L’idea non e' mia ma di Sam , alla quale devo un sentitissimo ringraziamento!
 
img 020   img 030
Ho messo tutte le orecchiette su un vassoio, in un unico strato e le ho fatte seccare per un'intera giornata
Procedimento per il condimento: lessare in acqua leggermente salata le cime di rapa dopo averne tolto eventuali parti dure, scolarle e tenere da parte l'acqua di cottura. Soffriggere i due spicchi d'aglio spezzettati con il peperoncino ed i filetti di acciughe, aggiungervi le rape scolate, e far saltare ed insaporire bene.
Non devono essere troppo asciutte, quindi se necessario aggiungere un po' di acqua di cottura.

 
Dopo 24 ore le orecchiette non erano ancora asciuttissime, ma erano sicuramente piu' sode e secche.
La mia amica condivide i miei timori, e se in acqua diventano una pappetta? Senza troppe elucubrazioni mentali, decidiamo di mettere su due pentole di acqua, cosi' in caso di rovina totale buttiamo velocemente le conchigliette delle Asolane. L’acqua di cottura delle rape doveva servire a cuocere la pasta…. ma capperina, me ne  dimentico, sono troppo preoccupata per la tenuta delle mie orecchiette!

Arriva il momento di buttare la pasta e.....
...Rimango a bocca aperta! Il risultato e' superlativo! La pasta rimane perfetta, una volta salita a galla (pochi minuti) e' praticamente cotta e ben soda, e regge perfettamente anche quando la faccio saltare con il condimento; sono cosi' contenta che quasi dimentico di fotografarla! Ecco il mio piatto:
 


Con queste dosi abbiamo mangiato molto abbondantemente in cinque. Mia figlia le ha volute con il pomodoro, e dice che erano squisite. Diciamo che rispetto alle vere orecchiette le mie erano forse un po' piu' spesse, ma tanto gustose che io le ho apprezzate di piu'. Di sicuro la mia soddisfazione era alle stelle, e poi mi sono...
 
leccarsi i baffi 6
...leccata i baffi!!!

27 commenti:

  1. E che non diventano una pappettaaa, che brava. Anch'io mi trovo bene con la BiAglut, anche se ci sono dei giorni che la tirerei nei muri...così, come antistress da carenza di collaglutinosa! Un abbraccio e grazie per il tuo commento.

    RispondiElimina
  2. WOW! Che bontà!!! Io che adoro i primi mi lecco (virtualmente) i baffi!!;-)

    Vedo che hai fatto da sola con le foto... bravissima! Mi spiace non aver risposto prima ma è un periodo in cui trovare 5 minuti è un lusso... poi ti racconterò...:-)
    Cmq la tua insonnia è oltremodo produttiva eheheh!

    Ti abbraccio e... a presto...

    RispondiElimina
  3. Le tue ricette Anna mi piacciono proprio anche se non sono celiaca e, per ora, non ho nessuno in famiglia che lo sia, tanto che mi hai fatto venir voglia di provarne qualcuna e queste orecchiette mi attirano. Mi piace molto anche come le "racconti"... con amore così come le prepari. Le fotografie poi sono degne di un libro di alta cucina. Sono contenta di aver incontrato un'altra a cui piacciono le sfide. e ti mando un abbraccione e un :)

    RispondiElimina
  4. Ma tu sei una temeraria!!! E ben vengano le persone come te!!! E benvengano queste orecchiette, che anche io non mangio da qauando da bambina le faceva mia nonna. Fra l'altro se erano più spesse pe me è pure meglio, adoro la pasta callosa!!!

    RispondiElimina
  5. Brava Anna!
    Vediamo se riesco ad aiutarti: io le uniche orecchiette senza glutine con la stella le ho viste realizzate dalla nostra Sam su Cis http://www.cucinainsimpatia.net/viewtopic.php?f=47&t=7191

    ;)

    RispondiElimina
  6. @ Tinny, se non le avessi fatte io quasi non ci crederei, le nostre farine che stanno insieme senza né uova né altre diavolerie.... mah???

    @ Sesè stanotte mi sono svegliata alle quattro e non ho più chiuso occhio.... e meno male che Carlo era al lavoro almeno ho potuto accendere luce e computer! Quando faremo una chiacchierata in pace devi raccontarmi tutto..... intanto ti abbraccio!

    @ Luigina che piacere mi fanno i tuoi complimenti, in quanto alle ricette la maggior parte le puoi eseguire semplicemente sostituendo le farine che nomino con quella di grano, a parità di quantità...escluso il pane, quello è un asociale e sta fuori dal gruppo :))

    @ Stefania no, non sono temeraria, ho solo nostalgia di cose che non mangio da troppo tempo, mia figlia non si ricorda niente del cibo con glutine (escluso i pavesini!) ma io ricordo tutto..... e ultimamente ho voglia di ritrovare sapori lontani, ecco perché ho voluto fare la torta coi bischeri e ora le orecchiette. E con che soddisfazione!

    @ Olga sì!!!! Le avevo viste proprio lì, è che avevo girato tanti di quei siti che alla fine non sapevo più dove andarla a cercare! Grazie di cuore, ho già corretto il post!

    Buona notte a tutte!

    RispondiElimina
  7. Ma dimmi un pò...
    ...non è che sei tu, che hai il tocco magico?!?
    Spesse volte hai esordito nei tuoi post con scetticismo nei confronti di materia prima e procedimento...
    ...per poi sistematicamente festeggiare il trionfo assoluto !!!
    Sei grande, ecco la verità !!!!!!!
    (Sai, tempo fa feci anch'io le orecchiette, solo con farina e acqua...vennero bene...ma facevano ridere: io ho le manine mignon (come il resto della mia persona...), e quelle più che orecchiette sembravano LOBI DI NEONATO !!!!!!!!! )

    Un bacio, e COMPLIMENTI !!!!!

    Maddy

    RispondiElimina
  8. Anna io ho capito qual è il collante che tiene insieme le tue farine: tu no?:) Hanno una marcia in più che le rende speciali:

    RispondiElimina
  9. CHE bella forma hanno i tuoi gnocchi!!!!Sono spettacolari e sicuramente buoni!!!!!
    BUONA CUCINA

    RispondiElimina
  10. perfette!!!

    il procedimento è quello di sam con le sue inconfondibili stelline

    buona giornata

    RispondiElimina
  11. Anna...che meraviglia! Complimentoni da una pugliese D.O.C. trapiantata a Roma prima della scoperta della celiachia (quindi doppia ragione per abbandonare la speranza delle orecchiette vere!). Avevo provato quelle della BioAlimenta ma sono indecenti!!! Appena ho tempo vero ci proverò anch'io. Bacione e grazie per questa dritta preziosa :)

    RispondiElimina
  12. Tesoro la marca della salsa di soia che ho usato è CRUDIGNO, però questa non l'ho comprata da Naturasì, quello mi è finito... Però appena passo da Naturasì vado a vedere quale è la marca...
    Un bacio

    RispondiElimina
  13. Ciao Anna, bellissime queste orecchiette, anche la tecnica per farle, perfette, bravissima, anch'io le facevo una volta, complimentissimi, a presto rosa buon martedi

    RispondiElimina
  14. chissenefrega se ti sono venute un po' più spesse!!complimenti per la pazienza e comunque anche per il risultato..perchè sembra eccellente!!!

    RispondiElimina
  15. Ciao a tutte, dai commenti deduco che non sono la sola ad avere nostalgia delle orecchiette!!!

    @ Maddy mi sopravvaluti, il mio pessimismo deriva proprio dagli insuccessi del passato con queste farine, chi non le ha mai lavorate non può capirlo, ma io ricordo che quando le ho usate la prima volta ho avuto l'impressione di lavorare la calce....... e non ti dico quel giorno, che volevo fare la pizza a mia figlia, che schifezza è venuta fuori. Da allora ogni esperimento mi trova con l'ansia... ma probabilmente nel tempo ho capito come domarle, solo che non sono mai sicura di riuscirci di nuovo :)
    In quanto alle tue orecchiette di neonato... :)) beh, intanto complimenti, che non è da tutti!...e poi, prova anche tu la tecnica di Sam, che direi proprio geniale!!!

    @ Luigina quanto sei carina.... diciamo che l'esperienza ha sicuramente il suo peso, e che le farine in questi ultimi anni sono decisamente migliorate. La passione fa il resto.... per non parlare della mia testa dura!!!!!

    @ Graal grazie, in effetti sembrano un po' degli gnocchetti, chissà se con lo stesso impasto si possono ottenere gli gnocchetti sardi... potrebbe essere la prossima sfida!

    @ Vale grazie, in effetti la tecnica di Sam mi è stata stra-utile! Spero che capiti qui e legga il mio ringraziamento!

    @ Anna Lisa un complimento sulle orecchiette da una pugliese vale per dieci!!! Che bella terra la tua, ne sono perdutamente innammorata, ho avuto la fortuna di poterla girare con il camper e l'ho veramente trovata straordinaria per la gente, per la bellezza delle coste, delle cittadine, delle distese di ulivi centenari, per il dialetto... e perché no, anche per la cucina!!!

    @ Stefania grazie, anche se non ho mai visto questa marca e on-line non ho avuto grandi informazioni..... però sapere che esiste già mi fa pregustare piatti che pensavo di non poter mai più mangiare, e visto che Naturasì si trova sia a Livorno che a Lucca, pochi chilometri da me, al limite andrò a cercare lì l'altra marca. Grazie infinite!

    @ Rosa, sei fantastica, io non fosse per la necessità non mi sarei mai sognata di fare le orecchiette in casa, così come tante altre cose! Sei una donna dalle mille risorse!

    @ Valentina sono stata poco fa sul tuo blog, meraviglioso il tuo sushi, meraviglioso questo scambio di idee e di informazioni, meraviglioso avervi conosciute!!!

    Ancora grazie a tutte e buona serata!

    RispondiElimina
  16. queste le voglio provare, io adoro le orecchiette ma da quando sono celiaca non le ho più mangiate.

    metà bi-aglut e metà mixB? seguirò le tue indicazioni...

    RispondiElimina
  17. Ciao Gaia, come ho già detto altrove riguardo alle farine io sono un po' abitudinaria, uso quasi sempre le stesse scegliendole in base alle caratteristiche studiate nel tempo, ho notato per esempio che la DS è ottima per gli impasti che devono risultare friabili, la Mix B per quelli "panosi" o croccanti, la Bi-Aglut per quelli che devono "tenere" e via di seguito.... raramente uso farine nuove per gli impasti salati, anche se ultimamente ne ho comprate ma per ora non ho ancora osato sperimentarle. Questo solo per dire che io ho usato queste ed il risultato mi è piaciuto molto (e non solo a me!!!), anche come sapore, ma non è detto che la tua esperienza non ti detti un'altra miscela anche migliore. La procedura invece te la posso raccomandare, l'ho trovata molto comoda e veloce! Buona giornata!
    p.s. faccio un tifo sfrenato per il tuo danubio e per quello di Simonetta... siete grandi!!!

    RispondiElimina
  18. non ho parole! queste orecchiette con la stellina dentro sono superlative! ma quanto sei stata brava! io amo fare queste cose, ma con le orecchiette non mi ero mai cimentata...
    Ovvio, non sono la stessa cosa, quelli fatti in casa sono sempre più buone, ma in caso puoi sempre usare queste:
    http://www.bialimenta.it/index.php/bialimenta/content/7/
    Dovresti farle entrambe e sfidare i commensali a capire quale siano opera tua ;)))
    bravissima e bacioni :X

    RispondiElimina
  19. Ciao Sonia, sono andata sul sito che mi segnali, a vederle in effetti sono meravigliose, altro che le mie.... ma tu le hai provate? Se leggi il commento di Anna Lisa capirai perché te lo chiedo, vero anche che i gusti sono gusti, però detto da una pugliese doc....
    Grazie per i complimenti, la stellina però non è stata un'idea mia, e comunque dopo la cottura non ci ho fatto caso ma credo non si vedesse più. Quel che è certo è che erano buonissime e che quel procedimento ha reso molto più semplice farle. Buona serata!

    RispondiElimina
  20. Anch'io riguardo alle farine sono abitudinaria...una fifona abitudinaria, perchè quando mi trovo bene, non ho il coraggio di cambiare, sperimentare...mio grosso limite!

    RispondiElimina
  21. Anna una ricetta bellissima ^_^

    RispondiElimina
  22. Non sara stata una passeggiata ma Complimenti per la riuscita Bravissima!!
    Buon fine settimana Francesca

    RispondiElimina
  23. Ciao scusa se approfitto dei commenti per questa deliziosa ricetta per presentarmi, sono l'autrice del gambero celiaco, un nuovo blog che raccoglie in tutta italia i commenti sui ristoranti gluten free migliori.Chiaramente non riesco a recensirne piu'di tanti visitandoli personalmente e intendo avvalermi principalmente della comunita' di blogger gluten free per avere segnalazioni in tutta Italia. Gradiro' molto un tuo commento su qualche ristorante da te frequentato magari con indicazione su una portata particolarmente buona e sul prezzo indicativo di un pasto. Continuero' comunque a seguirti sempre con molto piacere.
    http://gamberoceliaco.blogspot.com/

    RispondiElimina
  24. Carissima Anna,
    son tornata sul tuo blog per ringraziarti del bellissimo commento che mi hai lasciato, ogni volta leggerli è come ricevere un abbraccio :)
    sei una persona bellissima e io ti ringrazio davvero molto per le parole che mi riservi ^_^

    RispondiElimina
  25. Hmm, that?s some cool information. I would search on Google to find other relevant articles. Actually, I came across your blog on Google Blog Search. I?m going to add your RSS feed to my reader. Continue posting please!

    cheap nolvadex

    RispondiElimina
  26. Ciao, mi sono permessa di citarti nel mio ultimo post avendolo tu ispirato. :-)
    Ciao e grazie
    Elena

    RispondiElimina
  27. Questo post mi sarà sicuramente utilissimo!!! Da provare subito le tue orecchiette! Poi io sono anche pugliese, e i sapori della Puglia, a causa della celiachia, mi mancano davvero tanto :(

    RispondiElimina