Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

lunedì 18 aprile 2011

Pastiera napoletana senza glutine con grano saraceno

img. 047 Pasqua nella mia casa dell’infanzia significava pastiera. E pastiera significa grano, il buon grano che in tanti paesi del mondo ed in tante regioni d'Italia simboleggia la fortuna, l' abbondanza, la  ricchezza. Mia mamma ne faceva (e ancora ne fa) sempre a decine, per regalarle in segno di augurio a parenti ed amici, e la nostra casa profumava per giorni e giorni di fiori d’arancio.... Perché la pastiera, per essere ancora più buona e perché i suoi meravigliosi profumi si amalgamino bene, deve essere possibilmente fatta due o tre giorni prima della degustazione!


Da quando la celiachia fa parte della mia vita, mia mamma mi ha fatto più volte la pastiera senza glutine, usando il riso bianco al posto del grano ed ottenendo un ottimo risultato. Io però avevo il rimpianto della consistenza tipica dei chicchi di  grano, ed ho cercato in questi ultimi anni un’alternativa più valida del riso bianco. Così per un paio di anni, con risultati molto convincenti, ho usato il riso integrale (la ricetta è QUI), quest’anno ho usato con risultati ancora più convincenti il grano saraceno. Posto un po’ velocemente la ricetta nella speranza che possa essere utile a qualcuno che, come me, vuole festeggiare la Pasqua con una bella pastiera che non ha niente da invidiare, giuro, a quella classica. La ricetta è un po’ diversa da quella postata lo scorso anno che avevo voglia di sperimentare, stavolta mi sono attenuta un po’ più strettamente alla ricetta classica di mia mamma. E come già detto e risaputo, le mamme hanno sempre ragione :)

Ingredienti per la pasta frolla: 300 gr di farina (ho usato 150 di Bi-Aglut e 150 di DS), 150 gr di zucchero, la buccia grattugiata di 1/2 limone, 125 gr di burro, 5 gr di lievito istantaneo (uso sempre il Colombo), 1 pizzico di sale, 1 bustina di vanillina (uso la Paneangeli, ditta non presente sul prontuario ma che ha adottato la politica ufficiale di dichiarare il rischio di glutine, quando c’è, chiaramente sull’etichetta), 1 uovo intero.


img. 021
Procedimento per la pasta frolla: Lavorare tutti gli ingredienti in una impastatrice o a mano fino ad ottenere un bell’impasto sodo e liscio. Formare una palla e mettere a riposo in frigo per una mezz’oretta. Ho notato che usando la farina Bi-Aglut e lavorando velocemente, spesso non ho bisogno del riposo in frigo perché l’impasto rimane compatto anche se morbido. Usando questa miscela, il riposo in frigo è stato indispensabile.



img. 008 Ingredienti per il ripieno: 150 gr di grano saraceno pesato cotto (lessato per circa 12-13 minuti con pochissimo sale, a crudo sono circa 75 gr), 200 gr di zucchero, 250 gr di ricotta, 150 ml di latte, 10 gr di burro, 2 uova, vanillina, aroma fiori d’arancio (ho letto che la ditta Lo Conte da quest’anno è sul prontuario con tutti i suoi aromi, wow!), cannella in polvere, la scorza grattugiata di 1/2 limone e, se graditi, canditi (a me non piacciono e non li metto, tanto più che per essere sicuri andrebbero fatti in casa).


 img. 010 img. 015 img. 018

Procedimento per il ripieno: mentre la pasta frolla riposa in frigo, versare in una pentola il grano saraceno cotto, il latte, il burro e la scorzetta di limone. Far cuocere mescolando ogni tanto finché tutto il latte sia assorbito. Far raffreddare bene. Lavorare a parte ricotta, zucchero, uova, vanillina, aroma di fiori d’arancio, cannella in polvere. Mescolare bene ed amalgamare il tutto con il grano saraceno. Ne viene fuori un composto piuttosto liquido, che nella cottura addenserà ma rimarrà molto morbido.
Assemblaggio del dolce: Foderare la tortiera con circa 3/4 della pasta frolla,  e per questo procedimento potete guardare QUI.


img. 027  img. 028  

Versare il composto nel guscio di pasta frolla. Nel rimanente impasto aggiungere un po’ di farina per renderlo un po’ più sodo e consistente, e ritagliare le striscioline per comporre la grata decorativa. Appoggiare le striscioline con delicatezza dato che il ripieno è piuttosto liquido e si rischia che vi affondino dentro. Ripiegare i bordi ed infornare a 180°C per circa 45 minuti.

img. 042
Sfornare, far raffreddare.

img. 040
… proteggere dagli assalti dei golosi e degli affamati…
(ne approfitto per presentarvi il mio adorato Tishy, orfanello cresciuto senza mamma gatta ma con mamma Anna, la cui storia trovate QUI)

img. 046

Cospargere di zucchero a velo, inebriarsi del profumo tipico, evitare di mangiarla tutta prima che arrivino gli ospiti, pranzare senza gustarsi niente perché l’unico desiderio è quello di papparsi la pastiera ed infine…


 img. 084

…gustarsela…


gatto

 …leccarsi i baffi, le dita, e dire porca misera è già finita!!!



Un consiglio… fatene almeno due!






E visto che si parla di grano, anche se saraceno, e che il grano viene considerato un portafortuna, partecipo con questa ricetta al contest della fortuna, di Anna Lisa













… e non posso non partecipare alla raccolta di ricette con grano saraceno, organizzata da Lia del blog “Montagne di biscotti”!




37 commenti:

  1. ...e si va alla ricerca del grano saraceno :)

    meravigliosa

    la rifaccio di sicuro
    V.

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo!!! è perfetta, bravissima :) bacioni :XXX

    RispondiElimina
  3. in questi giorni pensavo a come fare la pastiera "per noi", il riso è ovviamente l'idea che viene spontanea, e stavo per accingermi a farla, ma la tua idea del grano saraceno è grandiosa. la proverò subito, non reggo dalla curiosità!
    e poi l'aspetto è splendido!

    RispondiElimina
  4. Boonaaa!! Me ne lasci un pezzettino?! Eheheh scherzo!!
    Ma quel bimbo piccino è proprio bello e birichino ehh ^_^
    Che Amore speciale, quando si organizza passo da te così lo rivedo il mio adorato TT..

    Baci miciosi e ancora, come sempre, bravvissima per ciò che crei...
    Sesè

    RispondiElimina
  5. mmmmmmmmmmmmm che bontààà!! ho voglia anche io di pastiera ahaha!! Bravissima Anna non finisci mai di stupirmi e io vorrei seguire il tuo esempio perchè le cose che fai sono veramente buonissimeeeee!!! proverò anche io a fare la tua pastiera per mia sorella grazie per le tue ricetteeeeee!!!!

    RispondiElimina
  6. Questa te la copio sicuro!
    Andrea ed io adoriamo la pastiera... ma nonn ero mai riuscita ad adattare la ricetta... Meno male che ci sei tu!
    Baci!
    E grazie ancora di cuore...
    Dadà... (Francesca)!

    RispondiElimina
  7. Anna non trovo il grano saraceno qui ..faró una mescolanza tra la versione con il riso integrale e questa qui. Che dici, ho una voglia tremenda di pastiera...!! Baci, Simonetta

    RispondiElimina
  8. Ciao carissima, non ho mai mangiato la pastiera...mettere il grano saraceno è geniale.
    Anch'io sono mamma di un gatto, Mamà che ho praticamente preso da microscopico. Mi adora, è quasi un cane da tanto mi è attaccato, dolcissimo.

    RispondiElimina
  9. Anche io in questi anni ho sperimentato com sostituire il grano e il grano saraceno è sicuramente l'alternativa migliore, tanto che da due anni sia la cuccia che la pastiera le faccio così!!! Sono felice che si arrivi alle stesse conclusioni! :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Nannarella sono felice d'aver trovato e letto un pò i tuoi blog. Complimenti! Belli entrambi e ricchi di vera passione e amore per la tua vita! Grazie per le ricette, credo che attingerò un pò dalle tue visto che sono un pò in crisi ultimamente! Mi hanno diagnosticato la celiachia e adesso io che amoooooooo, e dico amoooooooo, fare la pasta, il pane, fatti con le farine di frumento, mi ritrovo spiazzata!!! Sto cercando di capire come agire ora. Un grazie già ai blog come il tuo che mi aiutano molto. Un saluto e a presto

    RispondiElimina
  11. Anna sei bravissima, ottimo suggerimento quello del grano saraceno in chicchi, solo che qui è difficile trovarlo, le foto sono bellissime e la pastiera stupenda Complimenti.

    RispondiElimina
  12. ciao Anna che buona la Pastiera, mi piace tantissimo, la tua e' bellissima complimenti, ne approfitto per farti tanti cari auguri di buona pasqua a te e famiglia, bacioni rosa a presto , se vedi la desasparesitas salutamela grazie,hallo.)

    RispondiElimina
  13. Io il grano saraceno l'ho trovato facilmente.volevo ringraziare per la ricetta perché' a un anno dalla scoperta della celiachia di mio figlio,riesco a preparargli comunque il suo dolce preferito.sono certa che i tuoi suggerimenti renderanno questa Pasqua ancora più' bella.Tanti auguri a tutti e buona ......pastiera.
    Saluti Susy

    RispondiElimina
  14. Anna non va bene...va più che bene! Grzie e ...buona FORTUNA!

    RispondiElimina
  15. sto accingendomi alla preparazione della frolla... domani il resto ;-)
    grazie ancora per l'idea grandiosa!

    RispondiElimina
  16. Ciao a tutte, e come sempre scusate per il ritardo con cui rispondo ai vostri graditissimi commenti!
    Sono esterefatta dalle tantissime visite che sta ricevendo il mio blog in questi giorni, la maggior parte per la pastiera!!! Non pensavo fosse così gettonata, e sono davvero contenta che a qualcuno questa ricetta faccia comodo. Io ne ho rifatte due stasera, dopo che al lavoro mi hanno supplicato di rifarla e che dei napoletani doc e non celiaci mi hanno fatto complimenti su complimenti... che fosse senza glutine, non ci credeva nessuno. Insomma ribadisco... forse è il grano saraceno che le dà il tocco in più, ma quest'anno la pastiera in casa mia è perfetta! Spero tanto anche nelle vostre!
    ♥ Vale... credimi ne vale la pena
    ♥ Mirtilla... eh sì, una bomba di calorie ma che goduria!
    ♥ Sonia grazie, confesso che sono orgogliosa di me!
    ♥ Gaia credimi ne vale la pena, se la fai raccontami com'è andata...
    ♥ Sesè vienimi a trovare.... ne ho fatte altre due stasera!!!
    ♥ Francesca che bel regalo faresti a tua sorella...
    ♥ Dadà... se la fai raccontami anche tu com'è andata!
    ♥ Simonetta peccato, però gliultimi anni con il riso integrale ho comunque ottenuto un ottimo risultato!
    ♥ Tinny non sai cosa ti perdi!!! Anche Tishy era microscopico... stava in una mano, aveva sì e no una settimana, e gli ho fatto davvero da mamma... lo adoro, anzi direi che sono rinc.....ita!
    ♥ Stefania ma davvero, che bello!!! Confesso che non sapevo cosa sia la cuccia, sono andata a cercarmela su san google....
    ♥ Pagnottina il tuo è forse il commento più gradito... sono veramente contenta di esserti stata utile, avrai visto che blog celiaci ce ne sono tanti, credimi per chi come te deve iniziare da zero con le nostre farine è un aiuto enorme. Nn scoraggiarti e se vuoi contattami privatamente!
    ♥ Concetta peccato, però puoi farla anche con il riso integrale.
    ♥ Rosa a chi lo dici.... non mi sono data pace finché non l'ho fatta come la ricordavo! Grazie degli auguri anche da parte della fantasmina!
    ♥ Susy sapessi che piacere mi fa il tuo commento.... stasera oltre alle pastiere ho fatto le lasagne fatte in casa, per me non so se farei tutto questo... ma la pargola basta che chieda e le mani partono da sole!!!
    ♥ Anna Lisa vedi che buffo... mi sono scervellata a pensare ad una ricetta adatta al tuo contest, e poi una volta scritta questa ho avuto un flash... Sono contenta!
    ♥ Gaia allora la fai davvero!!! Fammi sapere....

    A tutte un augurio sincero di una Pasqua serena con i vostri cari!

    Anna

    RispondiElimina
  17. Buona Santa Pasqua, tesoro...
    ...anche a Tishy, che finalmente rivedo...una meraviglia assoluta...

    Maddy

    RispondiElimina
  18. e ripasso di qui per la terza volta... per segnalarti una raccolta:
    Grano saraceno mon amour
    http://montagnedibiscotti.blogspot.com/2011/02/raccolta-grano-saraceno-mon-amur.html
    la tua ricetta sarebbe perfetta!

    RispondiElimina
  19. Sarà la volta buona che uso il mio pacchetto di grano saraceno decorticato???Bellissima ricetta e...quel micio è meraviglioso!Anch'io ne ho preso uno in una clinica veterinaria, aveva 20 giorni, un tornado in casa avrebbe fatto meno danni, ma non ho potuto lasciarlo lì.
    Buona pasqua e grazie per aver partecipato alla mia raccolta.
    Un bacione a te e una carezza a Tishy.

    RispondiElimina
  20. eccomi di nuovo (praticamente una persecuzione)
    la foto lascia molto molto a desiderare, ma volevo testimonarti che avevo prodotto :-)

    http://www.flickr.com/photos/91348171@N00/5645607965/

    RispondiElimina
  21. ♥ Maddy grazie di cuore, ed auguri sincerissimi anche a te, anche da Tishy che è una piccola adoratissima belvetta sempre affamato di tutto! Vero che è stupendo???
    ♥ Gaia la tua segnalazione l'ho presa al volo stamani prima di recarmi al lavoro, e ti ringrazio di cuore! Ma la cosa più bella è stata la tua foto (Desian immagino sia tuo marito... :) ), sento il profumo da qui, ti è venuta bellissima!!! E non ho dubbi sulla bontà... sappimi dire!
    ♥ Lia sono contentissima di aver fatto in tempo a partecipare, tra l'altro il tuo blog ora che ho avuto un po' di tempo per guardarlo mi ispira moltissimo ed ovviamente d'ora in poi ti seguirò. In quanto al gattino lui era proprio minuscolo, avrà avuto una settimana, è stata un po' un'impresa tirarlo su ma che gioia ha portato in casa.... lo adoriamo letteralmente! Quanto amore ci danno gli animali, quanta tenerezza suscitano... possiamo perdonare loro anche i danni (che purtroppo sono toccati anche a me, soprattutto quando ha deciso che il suo giocattolo preferito è la nostra gatta nera di sette anni......., non ti dico le zuffe ed i peli ovunque!)


    Di nuovo una felice Pasqua a tutte!

    Anna

    RispondiElimina
  22. carissima Anna, buona Pasqua a te e famiglia. un abbraccio :))

    RispondiElimina
  23. Di pastiere ne ho dovute fare tante, ma non le ho mai mangiate, mi toccherà venire a trovarti per rubartene un pezzettino!
    Buona Pasqua a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  24. eccoci qua ;-)
    buon 25 aprile!

    http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2011/04/una-pastiera-per-festeggiare-il-25.html

    RispondiElimina
  25. ♥ Sonia grazie di cuore! In ritardo come sempre (non sarei io sennò...) ricambio l'augurio e l'abbraccio!
    ♥ Fabi mi sfugge qualcosa... le fai e non le mangi??? Perché? Comunque se tu passassi davvero ne è rimasta un po' :)
    ♥ Gaia ho commentato il tuo post... ti è venuta bellissima, ed io mi sento orgogliosissima, ho fatto vedere il tuo post a tutti i miei amici ieri, avevo invitato un po' di persone care e la mia pastiera è stata molto molto apprezzata, pensa che ne avevo anche una di mia mamma, glutinosa, e qualcuno ha preferito la mia!!!!!! Gioia e tripudio!

    Buona settimana a tutte!

    RispondiElimina
  26. Ho provato tante volte ha fare una frolla ma risulta, molto sbriciolosa. L'impasto cotto si appiccica in bocca, dando la senzazione di soffocare con la Biaglut sinota la stessa sensazione? Grazie

    RispondiElimina
  27. ciao Marghe67, con la Bi-Aglut non succede (io uso regolarmente per la pasta frolla la bi-Aglut da 1 kg, che è quella per pane e paste lievitate), anzi viene una frolla friabile e molto gradevole. Che farine hai usato finora?

    RispondiElimina
  28. maria ( salerno )3 aprile 2012 18:20

    ciao Anna ero alla ricerca di dosi giuste per fare la pastiera perkè facendo quella di grano per i miei cari volevo fare anke quella x me con il grano saraceno ma nn ero sicura se seguire le dosi di quella normale così mi sono messa alla ricerca di una ricetta su internet e ho trovato la tua sono felicissima e la farò con più tranquillità.
    ti auguro una Santa Pasqua

    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria grazie di cuore per aver commentato, sono felicissima di essere veramente utile a qualcuno. Auguro anche a te una buona Pasqua e... fammi sapere come ti è venuta ;)

      Elimina
  29. ciao vorrei fare la tua pastiera ma il formato della teglia quale hai usato?? perche non vorrei venisse sottilissima!! ti ringrazio in anticipo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho usato una teglia apribile di diametro 26, non viene una frolla molto alta ma nemmeno sottilissima, se a te piace più alta aumenta le dosi, usane una e mezza e se ti avanza fai dei biscotti :)
      Fammi sapere se l'hai fatta e se ti è venuta bene... Intanto ti auguro una buona Pasqua.

      Elimina
    2. ok!! io uso sempre la 26,però non sapendo tu quale avessi usato, ho chiesto per non sbagliare!! anche a me piace bassa!! ma non sei inscritta a facebook? io mi chiamo Maddalena,potremmo sentirci via web!! cmq venerdì la devo fare! ti farò sapere sicuramente!! ti ringrazio tanto e buona pasqua anche a te!!

      Elimina
    3. sì, su fb sono Anna Musolino, momentaneamente come immagine del profilo ho messo una barca su mare in burrasca. Ciao :)

      Elimina
  30. Ciao vorrei replicare la tua ricetta ma nn ho in casa le farine che utilizzi ma ho bi aglut pacco da un kg (pane e paste liv) posso sostituirla? Grazie x la tua risposta

    RispondiElimina
  31. Sì Sara, usa tranquillamente la Biaglut, va benissimo :)
    Fammi sapere se ti è piaciuta :)

    Ciao

    Anna

    RispondiElimina
  32. La tua pastiera è davvero meravigliosa e spiegata benissimo (a me sono affondate le strisce!!!AHAHAH)! Se avessi letto la tua ricetta prima, avrei fatto molto meglio! Complimenti.
    ALice

    RispondiElimina