Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

mercoledì 24 ottobre 2012

Un pallone per Edoardo



DSC_0284

Edoardo è il bellissimo bimbo di Franca, collega ed amica, che mi ha chiesto quasi imbarazzata se avevo tempo e voglia di fare una torta che facesse felice un piccolo appassionato di calcio.
Abbiamo cercato insieme qualcosa che potesse piacergli, ed abbiamo optato per questa torta, apparentemente semplice da realizzare.

In realtà ho trovato più difficoltà di quanto immaginassi. Vero che spesso mentre faccio queste cose mi dedico ad almeno altre due, il che rende ovviamente i tempi più lunghi e la concentrazione un po’ vacillante… ma detto francamente non è stato semplice mettere insieme esagoni e pentagoni su una superficie non piana, mi sono ritrovata quasi a digrignare i denti nel tentativo più volte fallito di far coincidere tutti i bordi, senza lasciare spazi vuoti né farli mai accavallare. Tira di qui, taglia di là, togli un pezzo, aggiungine un altro, meno male che ho due figlie femmine che faccio felici con rose e calle tanto più semplici da fare!!!

Però il risultato alla fine non mi dispiace. 

DSC_0280


Come ho fatto?

Prima di tutto ho preparato due torte rotonde del solito pan di spagna. La prima l’ho scavata con la solita tecnica, bagnata con la solita bagna, farcita con la solita crema, messa in frigo per una notte con un peso sopra per farla rassodare bene.
La seconda l’ho tagliata a strisce, ed ho usato una scodella rotonda foderata di pellicola per preparare un simil-zuccotto: ho foderato la scodella con le strisce, le ho bagnate, ho versato sul fondo la crema, e coperto con altre strisce. Ho coperto con un piatto su misura e messo in frigo per tutta la notte.
Il giorno dopo ho spalmato la base rotonda con un bello strato di ganache preparata con cioccolato fondente e panna montata non zuccherata (la pasta di zucchero è dolcissima, e questa ganache la rende meno stucchevole oltre ad avere il potere di far aderire perfettamente la pdz). Poi, con estrema attenzione per non rompere il tutto, ho sovrapposto lo zuccotto alla base rotonda. Ho spalmato anche sopra lo zuccotto la ganache e sono partita con il mio sgangherato puzzle in pasta di zucchero preparando ottimisticamente qualche esagono bianco e qualche pentagono nero sul ripiano e pensando, ma guarda com’è facile da fare questa decorazione!!!!

Povera illusa.

E vi dirò…. non è stata una passeggiata neanche metterci intorno quel ciuffo d’erba. Lascio alla fantasia di chi legge le mie difficoltà.

DSC_0282

Insomma ci ho lasciato più di un MAPORCACCIALAMISERIACCIAINFAME su questo pallone.

DSC_0277

… Però però… la felicità e l’entusiasmo del bimbo che dal racconto della mamma era al settimo cielo mi hanno ripagata abbondantemente dell’ammattimento. Un’orda di bimbi intorno alla mia torta a chiedere, ma è un pallone vero??? e dita tese a toccarlo mentre la mamma non riesce a contenere l’entusiasmo ed a fare una foto decente….. qualcuno mi dica cosa c’è di più bello della felicità di un bambino.

La perfezione non è di questo mondo, tanto meno del mio, ma mi sento proprio contenta nel postare il mio imperfettissimo pallone
SorrisoSorrisoSorrisoSorriso

In quanto alla torta, Franca mi ha reso ancora più felice nel dirmi che ha ritrovato nel suo sapore quello delle torte della sua infanzia, un sapore dimenticato che l’ha quasi commossa. Insomma a volte mi sento noiosa…. solito pan di spagna, solita farcia, solita bagna…. ma questa è la ricetta del pandispagna che anch’io mangiavo da bimba, quello della mamma, e mi sa che continuerò ad  essere noiosa Sorriso ed a……..


images (33)

….. leccarmi i baffi !!!





17 commenti:

  1. Potresti farti assumere da Buddy ^_^ Sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, magari. Bravissima proprio no, ma sono contenta lo stesso, e l'importante è che lo sia stato Edoardo :)

      Elimina
  2. Ciao Anna, il pallone sembra vero! Sei troppo brava. Quando vede queste cose mi rendo conto di quanto ci sia da imparare da persone come te:-)
    La tua collega sarà fiera di averti come amica .
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, proprio da me non devi imparare, parto piena di entusiasmo e senza documentarmi abbastanza, se lo avessi fatto probabilmente ci avrei messo la metà del tempo e sarebbe venuto meglio! Però grazie, sei un tesoro :)

      Elimina
  3. E' bellissima! Hai fatto anche le impunture del pallone!! Come hanno fatto i pentagoni neri a venirti appunto neri neri? La Graziano fa anche il colore nero in polvere o ci sei riuscita con una cioccolato molto fondente? Ho visto anche la fonte citata: ancora più brava per l'idea dell'erba in doppia sfumatura e per il carattere simpatico delle lettere. Ci credo che il festeggiato e gli invitati fossero felicissimi!! Wow!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina grazie :) Le impunture colpiscono tutti eppure sono state la cosa più facile, è bastato punzecchiare i bordi con uno stecchino. In quanto al nero, sì, la Graziano fa un colore nero in povere straordinario, che diluisco con un goccio appena di acqua.

      Elimina
  4. no no io ti capisco benissimo! una volta in un programma tv ho visto fare questa torta ed è molto complicata! caspita che lavoraccio, pare un pallone che hanno appena finito di usare, molto realistico! bellissima anche l'idea dell'erba ;-) grande Anna!! :-X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi cosa mi perdo a non guardare mai la tv.... lo avessi visto io quel programma magari gli errori non li facevo. In realtà non credo sia complicata, lo è stata per me che sono partita senza realizzare che su una superficie bombata non posso pretendere di mettere insieme dei pezzi e farli combaciare esattamente come li avevo predisposti su una superficie piana..... se ci penso sono stata di un'ingenuità che rasenta la stupidità. E vabbeh, al prossimo pallone sarò molto più brava e veloce :)

      Elimina
  5. bella idea, che ti copierò sicuramente visto il crescente interesse per il calci dei miei due cuccioli! brava, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, l'idea in effetti è proprio carina, io e la mia collega abbiamo guardato tutto ciò che offriva internet e questa ci è davvero sembrata la cosa più bella nella sua semplicità.

      Elimina
  6. ma ti è venuta benissimo, anna, altro che imperfezioni!
    è bellissima, sei diventata una vera maga con la PdZ!
    anzi, dovremmo proporti a una TV: "la maga delle torte"

    RispondiElimina
  7. Semplicemente stupenda!
    Non la torta ma tu!!
    E va bene sono onesta: la torta è bellissima e non si vedono le imprecazioni fatte per i tentativi di far combaciare gli esagoni (meno male)
    :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna immagino quanta contentezza tu abbia regalato e questa è la cosa fondamentale

    RispondiElimina
  9. non ho parole ... pure i punti delle cuciture!!! Sei fantastica

    RispondiElimina
  10. va là che è bellissima e perfetta altrochè

    RispondiElimina
  11. Anna! mi piace tantissimo!! Che faticaccia eh?? Ma sei stata bravissima e il pallone sembra cucito a mano...sembra vero!! :-)

    RispondiElimina
  12. Anna, l'ho fatta anche io! Ti ho appena mandato una mail con la foto. X la decorazione mi ha aiutato mio marito, dice che é stato facile! Grazie x l'idea, il mio bimbo era felicissimo. La

    RispondiElimina