Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

mercoledì 16 settembre 2015

Rotolini di zucchine caprino e nepitella



DSC_0010

DSC_0024

In questo periodo la mentuccia, qui in Toscana (ma forse anche altrove) detta nepitella, è in piena fioritura. I campi intorno a casa mia ne sono pieni, e le api vi volano continuamente di fiore in fiore. Ne ho piantata una nella mia aiuola di piante aromatiche, ma a parte godere del suo profumo meraviglioso non l’avevo mai usata prima. So che viene usata per insaporire il ragù, gli arrosti, i carciofi, ma il caldo di questa estate mi ha impedito di cimentarmi ai fornelli. Una sera però, alla ricerca di un antipasto veloce sfizioso e semplice, ne ho raccolto un mazzetto e ne è nato questo piattino fresco che mi ha conquistata.

DSC_0037

Ingredienti:

3 o 4 zucchine di media grandezza
Caprino
Foglioline abbondanti di nepitella

DSC_0044

Procedimento:

Tagliare a fettine sottili le zucchine e grigliarle.
Mescolare in una terrina il caprino e le foglioline spezzettate di nepitella
Spalmare ogni fettina di zucchina con la crema ottenuta ed arrotolarle.

DSC_0028

Servirle su un letto di insalatina verde.

DSC_0042

Semplice da far paura, ma con un sapore delicato e fresco, ed un retrogusto che rimane a lungo in bocca. Insomma….

10 ottobre 2013 (28)

… da leccarsi i baffi!!!

domenica 13 settembre 2015

Quanti modi di fare e rifare: la torta Ciosota di Terry



DSC_0267DSC_0269

Dopo quasi tre anni di assenza, eccomi di nuovo in compagnia di altri blog per la bella iniziativa di Anna ed Ornella: Quanti modi di fare e rifare!!! Doveroso un sincero ringraziamento ad entrambe per avermi accolta a braccia aperte malgrado il mio lungo silenzio, e meno doveroso ma altrettanto sincero il mio plauso alla ricetta di questo mese, la Torta Ciotosa di Terry... una vera sorpresa il connubio inusuale di ingredienti che non avrei mai pensato di usare per una torta, ma soprattutto un  piacere immenso il risultato: un’esplosione inattesa di sapori e profumi. Una torta che si scioglie letteralmente in bocca, morbidissima, profumata, e la cui versione senza glutine è inesistente in internet. La dose di farina è comunque veramente piccola piccola, ed io l’ho sostituita con la eclettica e sempre preziosa Biaglut per pane e paste lievitate, che per l’ennesima volta ha fatto il suo dovere. Pochissime le altre variazioni applicate, tutte legate al fatto che ho tolto un uovo, visto che in casa mia il colesterolo alto detta legge.

Bando alle ciance, ecco la ricetta originale e le mie variazioni:


Ingredienti:
  • 150 gr di burro
  • 150 gr di zucchero
  • 5 4 uova
  • 1 cucchiaino di estratto liquido naturale di vaniglia 1 fialetta di aroma vaniglia consentito
  • 100 gr di farina 00 Biaglut per pane e paste lievitate
  • 1 bustina di lievito (ho usato quello di marca Colombo)
  • 150 180 gr di carote grattugiate (ho pensato che con un uovo in meno ci sarebbe stato bisogno di qualcosa di umido in più)
  • 200 gr di radicchio di Chioggia tritato finemente
  • 150 gr di nocciole in farina (ho usato nocciole intere tritandole non troppo finemente nel Bimby)
  • 6 5 pezzi di pan biscotto Pancroccante (Piaceri Mediterranei) sbriciolati (non ho idea di quanto siano grandi i pezzi di pan biscotto.... sono andata a senso, in base agli altri ingredienti già usati nell'impasto, ed è andata bene)
  • zucchero a velo per guarnire (marca Colombo)

Quindi alla fine gli ingredienti usati per fare e rif... ehm ... trasformare la Torta Ciotosa di Terry nella Torta Ciotosa senza glutine sono stati questi:
 
  • 150 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 150 gr di zucchero
  •  4 uova
  • 1 fialetta di aroma vaniglia consentito
  • 100 gr di farina Biaglut per pane e paste lievitate
  • 1 bustina di lievito (ho usato quello di marca Colombo)
  • 170 gr di carote grattugiate
  • 200 gr di radicchio di Chioggia tritato finemente
  • 150 gr di nocciole in farina (ho usato nocciole intere tritandole non troppo finemente nel Bimby)
  • 5 pezzi di Pancroccante Piaceri Mediterranei, sbriciolati finemente (35-40 gr in totale)
  • zucchero a velo per guarnire (marca Colombo)

DSC_0244DSC_0246DSC_0250DSC_0253DSC_0255DSC_0258


Procedimento:


Separare i tuorli dagli albumi in due diverse ciotole. 
Montare i bianchi a neve ferma con un pizzico di sale. Nell’altra ciotola sbattere i tuorli con lo zucchero e il burro morbido finché il composto non sarà chiaro e cremoso. 
Unire la vaniglia, la farina di nocciole, il pancroccante sbriciolato, le carote, il radicchio, la farina miscelata con il lievito, mescolando bene ad ogni aggiunta con una spatola per amalgamare bene il tutto. In ultima incorporare delicatamente al composto gli albumi montati , mescolando dal basso verso l’alto.
Versare il tutto in uno stampo a cerniera da 24 cm e infornare a 180°. La ricetta originale dice per circa 45 minuti, io a 30 vedendo che la superficie della torta si stava facendo un po' troppo scura ho coperto lo stampo con carta d'alluminio ed ho abbassato la temperatura a 160°C per altri 15 minuti. 
Controllare che il dolce sia ben cotto facendo la prova dello stecchino per controllare che il centro sia ben asciutto. 
A me lo stecchino asciuttissimo non è uscito, ma pensando giustamente che non si tratta di un dolce secco ho comunque spento il forno e lasciato la torta per pochi minuti all'interno, con lo sportello socchiuso.

Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

DSC_0272

Amo molto decorare le torte con i fiori freschi… questi vengono in parte dal giardino e in parte dai campi intorno a casa. Basta ricoprire il gambo con carta stagnola, infilarli delicatamente nella torta, ed anche il dolce  più semplice diventerà bellissimo.

DSC_0278

Un po’ d’ansia, lo confesso…. Come sarà? Troppo secca? Si sentirà troppo l’amaro del radicchio?……

Ovvia coraggio serviamoci!

DSC_0284

Mamma mia…… deliziosa…. mmmmmmmh…..

DSC_0295

… quasi quasi un’altra fetta…..

DSC_0310 - Copia

Che dire…. è sparita nel giro di poco…. e via tutti a….

pulizia-gatti

… leccarsi i baffi e le zampe!!!!

Prossimo appuntamento con Quanti Modi di Fare e Rifare domenica 11 ottobre con questa ricetta del blog “Stella senza glutine” di Maria Giovanna:

image60

martedì 1 settembre 2015

Antipasto di mele Philadelphia e speck

 

DSC_0779

Questo blog dorme… anzi è in letargo, dorme da mesi. La mia vita strapiena non mi lascia il tempo di dedicarmici, il più delle volte cucino giusto l’indispensabile e la macchina fotografica piange in un angolo in attesa di attenzione. Inoltre il caldo atroce di questa lunga estate non mi ha incoraggiata né a cucinare né a dedicarmi a queste pagine, anche se saltuariamente mi sono divertita con piattini freschi che non richiedono cottura né grande manualità, come questo antipasto sfizioso dal gusto fresco ed inusuale che ho preparato più volte nelle sere atrocemente calde di questi mesi.

DSC_0777

DSC_0775

Un antipasto velocissimo e facilissimo da preparare, ma anche gustoso e, volendo, coreografico. E del tutto naturalmente senza glutine.

DSC_0773

 

Ingredienti:

Un paio di mele non troppo dolci (ho scelto le Green)

Qualche fettina di speck

Philadelphia o altro formaggio spalmabile consentito

Erba cipollina

Foglioline di menta

 

 

DSC_0781

Procedimento:

Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili (con la buccia tagliata in una striscia unica ed arrotolata ho fatto una rosellina per decorare il piatto)

DSC_0784

Tritare l’erba cipollina e mescolarla al Philadelphia in una ciotola. Se troppo denso ammorbidire il tutto con pochissimo latte affinché diventi cremoso ma comunque consistente, in modo che addentando le fettine la crema non debordi rovinosamente.

Far scivolare sulla metà delle fettine di mela un cucchiaino da caffè della crema ottenuta, ed accoppiarle con le altre fettine. Aggiungere un altro mucchietto di crema sulle due fette.

Appoggiare una striscia di speck sulle due fettine, arrotolandola leggermente ed affondandola in parte nella crema.

Aggiungere una fogliolina di menta, appoggiando una punta nella crema.

Tutto qui, quasi da vergogna.,… ma è buonissimo, e i vostri ospiti…

164310928-ff943d54-3053-436a-b167-b5a638282d11

 

…si leccheranno i baffi!!!