Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

Si mangia per vivere, non si vive per mangiare
Si mangia per vivere, non si vive per mangiare

domenica 11 dicembre 2016

Quanti modi di fare e rifare: i biscotti allo zenzero di Vittoria


DSC_0761

Ed eccomi al mio “quasi” consueto appuntamento mensile con Quanti modi di fare e rifare… dico quasi perché ogni tanto devo saltare, presa da mille impegni di lavoro e non, ed ogni volta mi dispiace soprattutto perché mi perdo ricette fantastiche.  Per fortuna non mi sono persa questa di Vittoria! La mia cucina stasera profuma di biscotti e cannella, ed il gusto di questi biscotti non hanno deluso le aspettative date dal profumo!
Trasformare in senza glutine una ricetta che il glutine invece lo contiene non è sempre facile. Qualche volta ho avuto grandi difficoltà e mi sono ritrovata a fare e rifare tutto più volte per avere un risultato che mi soddisfacesse. Stavolta ho come al solito iniziato a lavorare con la paura di dover ricominciare con altre farine, invece il risultato mi è piaciuto moltissimo!
Ecco come ho modificato la ricetta di Vittoria:
Ingredienti: 
  • 100 di Mix It Schar, 120 di Biaglut per pane e paste lievitate, 60 di fecola di patate consentita e 20 di amido di mais consentito, per un totale di 300 gr di farine senza glutine
  • un cucchiaino e mezzo di zenzero in polvere
  • un cucchiaino e mezzo di cannella in polvere
  • una bustina di vanillina consentita
  • 1/2 bustina di lievito in polvere consentito
  • un pizzico di sale
  • 30 gr di zucchero semolato
  • 30 gr di zucchero di canna
  • 80 gr di miele millefiori
  • 90 gr di burro
  • un uovo piccolo

Per il procedimento ho seguito passo passo le istruzioni di Vittoria:
Mescolare con cura le farine, lo zenzero, la cannella, la vanillina ed il sale. Lavorare a parte il burro ammorbidito ed i due tipi di zucchero, unire uovo e miele ed  amalgamare bene il tutto. Unire la farina e le polveri al composto di burro e miele lavorando fino ad ottenere un impasto morbido e compatto. Formare una palla e mettere in frigo per almeno cinque ore.
Il mio impasto era veramente morbidissimo, ma ho confidato nel fatto che si sarebbe rassodato durante il riposo in frigo e così è stato.
Preriscaldare il forno a 180°C con una piccola ciotola d’acqua all’interno per formare umidità, togliere l’impasto dal frigo e prenderne una parte rimettendo il resto al freddo. Stendere l’impasto (ho usato un po’ di farina per aiutarmi) ad uno spessore di circa 5 mm, ritagliare con le formine, adagiare i biscotti sulla placca ricoperta da carta forno ed infornare, dopo aver tolto la ciotolina d’acqua, per 8 minuti esatti controllando la cottura a 5 minuti ed invertendo se necessario le teglie.
Il risultato: un biscotto friabile, speziato e profumato, che si scioglie letteralmente in bocca e lascia un sapore delizioso.
DSC_0737

DSC_0769

Mi sono divertita a decorarli con glassa di zucchero fatta con pochissimo bianco d’uovo e tanto zucchero a velo, e con cioccolato fondente sciolto con pochissimo latte. La decorazione non ha cambiato il sapore essendo molto sottile, ma li ha resi bellissimi, vero?
Insomma anche stavolta con Quanti modi di fare e rifare ci siamo…
images (68)
… leccati i baffi!!!

Nel 2017 le ricette che condivideremo saranno quelle regionali italiane elaborate dalla Cuochina e prese da alcuni siti web oltre che dal libro “le Ricette Regionali Italiane” edito da Solares.
A gennaio, si parte alla grande con questa ricetta della nostra fantastica Cuochina…

orecchiette (5)
Vi dò quindi appuntamento il prossimo mese (sempre la seconda domenica).
Auguro un felice Natale e soprattutto un anno nuovo sereno a chiunque passerà di qui